Dimenticare

dimenticare è uno sguardo
dal finestrino di un treno
che non posa su nulla,
il volo risoluto delle rondini
quando migrano,
è uno specchio ossessionato
da chi senza voltarsi
passa oltre,
è il fragore di una casa in crollo
la sua nuova forma spezzata,
il peso della neve sugli alberi,
l'impronta che ama sparire.
dimenticare è una tempesta
che smuove le radici più tenaci,
è la perenne alba,
è la notte annidata tra le scapole

tutto trema nel dimenticare,
il gelo insidia le lancette 
e le palpebre.
dietro il loro buio
l'occhio si spalanca.
dimenticare è sempre di nuovo
nascere
di nuovo e sempre terribilmente
morire.

Bianca Bi
Pubblicità

Va così vivendo lo spirito

c'era una tonalità di azzurro
ovunque
simile al freddo immobile
di certi laghi invernali.
c'erano le maestà della Natura
le sue terribili magnificenze
erte sopra tutte le parole 
e al di sopra dei silenzi.
c'era un grande fuoco
al centro
che tu avevi acceso
e io ero legna e fiamma
e terra calda e luogo certo
del mondo, sua
inconfutabile materia.
poi il tempo ha eroso i bordi
di ogni concretezza
le maestà mi hanno richiamata.
un pulviscolo di cenere
fluttua lontano dal suolo, ora
senza il tormento del tempo.
va morendo così il corpo
va così vivendo lo spirito
da sempre smarrito.

Bianca Bi

senza titolo

la nebbia acquieta le distanze
addolcisce le cecità
non si è certi che il bordo che si afferri
non sia il proprio
così il gabbiano che vola a pelo
d'acqua
confonde cielo e mare
per non vagare solo.
ma ecco è nella perfetta solitudine
che m'è tanto chiaro
quanto più alto di "io t'amo"
sia dirti, "eccoti.
io ti conosco"

Bianca Bi

Bianca Bi – Siedi pensieroso

“Forse non c’è più nulla da aspettare,
non c’è più nulla da patire”

biancabiblog

Pubblico il secondo singolo estratto dall’Album “Di sangue e terra“, buon ascolto!

Musica e testi: Bianca Bi

Chitarra elettrica: Giuseppe Bortone

“Siedi pensieroso

col tuo vestito di seta 

e nello sguardo un’aquila bianca

e nelle tasche una polvere nera ”

View original post

A luna chiusa

“Il cielo è senza pace e senza porte”

biancabiblog

Propongo questo brano che parla del Sud, di una donna tradita che vede sparire la luna dal cielo.
Ringrazio di cuore Carlo Becattini per aver concesso la sua bellissima opera come immagine di copertina.
Il brano fonde sonorità popolari a incursioni decisamente elettroniche. 
Buon ascolto..
Bianca Bi

Per chi non avesse Spotify:

View original post