Alice

eccoti. sei tra i rumori 
forti le forti luci
le prime forme
la materia frastornante.
hai la tattilità fragile
della pelle svestita e senza
impronta alcuna.
eccoti. già protesa, già
imperfetta, già
assediata dalla parola:
Alice
tutto il mondo ti tocca ora,
impari le mani i baci i 
seni
il caldo latte la continua
gemmazione delle cose il freddo
le mancanze
ma tu sai tutto già
eppure nulla
il tuo sguardo
si posa sul mondo
per la prima volta
conoscendolo da sempre
perché hai ancora in petto
il cuore di tua madre
e sul viso l’occhio di Dio.

Bianca Bi

Dipinto: Norham Castle at sunrise – William Turner

7 pensieri su “Alice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...