Ed è l’alba

vorrei andarmene
in punta di piedi portandomi
le cose che sempre
sono state mie
ora sparpagliate
in questa stanza piena
delle tue incerte impronte.
vorrei chiamarti per nome e dirti
io vado
benché sia io stessa 
un'incertezza fatta di brevi eclissi.
dormo e sogno di te
ma sempre davanti l'uscio 
o sotto le finestre
già quasi via eppure ancora qui
in questa stanza meretrice 
che non ci vuole soli.
cerco le mie cose inciampando
in quelle altrui piene di profumi
e delle tue mani
raccolgo dei cocci e
due conchiglie e penso che siamo
infiniti.
vorrei andarmene con fermezza
in punta di piedi
guardandoti appena
già dimenticandoti.
invece ti sfioro. ti dico ti voglio bene
e non mi sono mossa
e sono notte e tu giorno.
ed è l'alba.

Bianca Bi

Un pensiero su “Ed è l’alba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...